mercoledì 7 marzo 2012

Il COMUNE di ALTAMURA PARTECIPI al COORDINAMENTO per L'ACQUA PUBBLICA


Il prossimo 9 marzo alle 10,00 torna a riunirsi il Coordinamento dei comuni e delle provincie della Puglia migliore, 
quella Puglia che crede fermamente nella battaglia per il diritto all'acqua la puglia che si batte per la ripubblicizzazione dell'Acquedotto Pugliese nonostante il giorno dopo il referendum sull'Acqua il governo della Puglia (quasi) migliore ha approvato con tanto di titoloni sui quotidiani, una legge regionale che a detta loro avrebbe trasformato l'AQP in ente pubblico.
In realtà un disegno di legge (la migliore legge della puglia migliore) scritto da regione e movimenti per l'Acqua c'era già. Il 15 giugno 2011, il governo pugliese infischiandosene di quanto promesso fino ad allora, decide che quella legge condivisa non è abbastanza "migliore": ne approvano una che ritocca la prima nei punti chiave (leggi qui)

Ora (dopo il mezzo flop della Regione) tocca agli enti locali riaprire la discussione sui servizi idrici, soprattutto adesso che ogni comune potrebbe chiedere al gestore di rispettare il risultato referendario togliendo dalle bollette il 7% come chiesto con il secondo quesito.

Il comune di Altamura alla fine dello scorso mandato ha fatto un bel regalo alla città (modifica dello statuto comunale) ci aspettiamo che il nostro comune partecipi all'incontro come ha già fatto lo scorso 10 giugno (presenti il pres. Dambrosio e l'ass. Centonze) e dia un valido contributo alla causa.
Di seguito il comunicato del Comitao AcquaBeneComune Altamura.


Comunicato Stampa
Il COMUNE di ALTAMURA PARTECIPI ATTIVAMENTE il 9 marzo 2012
al COORDINAMENTO degli EE.LL. per L'ACQUA PUBBLICA

Dopo lo straordinario risultato del Referendum dello scorso giugno, in nessuna parte d'Italia si è dato seguito all'eliminazione di quel 7% di remunerazione di capitale nelle bollette dell'acqua.
In Puglia chi governa sbandiera la riduzione delle tariffe per le famiglie meno abbienti, chi è all'opposizione rinfaccia ai primi gli aumenti delle bollette conseguenza (secondo loro) dell'acquedotto pubblico voluto da Vendola.
La realtà è che l'acquedotto pugliese è ancora una Società per Azioni, nonostante la legge per “ripubblicizzarlo” approvata in pompa magna il giorno dopo il referendum. Gli aumenti, dunque, sono una conseguenza logica di una gestione improntata al profitto che una SpA deve avere.
Il Comune di Altamura già nel 2008 con una delibera di giunta aderiva al primo coordinamento degli Enti Locali per la Ripubblicizzazione dei servizi Idrici. All'epoca l'ente capofila era la Provincia di Bari. Dallo scorso giugno il testimone è stato raccolto dal Comune di Bari, il cui sindaco, raccogliendo la richiesta rivolta dal Comitato pugliese "Acqua Bene Comune"-Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua agli EE. LL. in occasione del Convegno dello scorso 20 gennaio, ha scritto ai Sindaci di tutti i Comuni pugliesi convocando il Coordinamento pugliese degli EE. LL. per la Ripubblicizzazione dei S.I.I
venerdì 9 marzo alle ore 10.00)
c/o la Sala Consiliare del Comune di Bari
con il seguente ordine del giorno:
- campagna di "Obbedienza Civile - Il mio voto va rispettato": possibili iniziative da parte degli Enti Locali;
- riorganizzazione del Coordinamento degli EE. LL. per la Ripubblicizzazione del S.I.I. e possibile estensione alle altre Amministrazioni che condividono l'iniziativa intrapresa eed, essendo sensibili al problema, vogliono sostenerla.
Considerata la grande rilevanza degli argomenti all'ordine del giorno e la concreta incidenza che le posizioni assunte nel coordinamento possono avere per i cittadini pugliesi e quindi anche per i cittadini altamurani
CHIEDIAMO
all'amministrazione comunale di partecipare attivamente, con una sua rappresentanza, alla riunione del  Coordinamento pugliese degli EE. LL. per la Ripubblicizzazione dei S.I.I. che si terrà il 9 marzo.
A chiederlo con noi, ci sono gli oltre 28.000 altamurani che hanno votato SI lo scorso giugno, una città intera che nel febbraio 2010 ha chiesto e ottenuto (primo comune in Puglia) la modifica dello STATUTO COMUNALE che oggi riconosce il Diritto all'Acqua e definisce il servizio idrico come “privo di rilevanza economica”.

Perché si scrive acqua, ma si legge democrazia.

Comitato Acqua Bene Comune Altamura

Nessun commento: