giovedì 5 maggio 2011

il razzismo è di casa



Alcuni giorni fa dei ragazzi ci hanno segnalato un video girato su una carrozza delle Ferrovie Appulo Lucane che collegano Bari a Potenza (passando per Altamura e Matera).
Le immagini non sono chiarissime, ma l'audio è sconcertante. Un uomo del personale di bordo pronuncia frasi gravissime nei confronti di persone straniere (forse nord-africani).
La cattiveria gratuita non ha niente a che vedere con il ruolo di controllore di un servizio pubblico locale. Al "simpaticissimo" operatore delle FAL non bastava multare (o fare accomodare fuori, dato che il treno è fermo) i passeggeri non muniti di regolare biglietto?

Un invito ai ragazzi che hanno registrato: NON TACETE DINANZI A QUESTI ABUSI!
Sarebbe stato bello sentire un'ALTRA voce (oltre quella del simpaticone).

Vogliamo sperare che l'Amministrazione delle FAL prenda provvedimenti nei confronti del controllore "di razza" per evitare il ripetersi di queste situazioni incresciose!

34 commenti:

Ilenia ha detto...

https://www.facebook.com/ferrovie.appulolucane/posts/212799002077496?ref=notif&notif_t=share_comment

qui, la FAL ti prega di segnalare qualcosa in più sull'accaduto. Fallo, per favore.

Ne ho visti tanti di episodi così su questi treni che sono costretta a prendere tutte le mettine, ma non ho mai avuto la prontezza di riprendere la scena.

Antonio Lo Nardo ha detto...

Bravi. Complimenti.
Speriamo che le FAL prendano provvedimenti.

inox ha detto...

SPERIAMO CHE L'ITALIA PRENDA I PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DI QUESTI OSPITI INDESIDERATI, CHE VENGONO CON PREPOTENZA A CASA TUA ANCHE SE NON SEI D'ACCORDO

Anonimo ha detto...

dovevate PARLARE sul treno invece di fare solo il video!
FUORI I COGLIONI E A TESTA ALTA!!!

Luca ha detto...

certo che se quei passeggero avessero pagato il biglietto, tutto cio' non sarebbe successo. l'aspetto piu' grave dell'increscioso comportamento del comntrollore e' proprio il far passare in secondo piano il fatto che quei passeggeri non avessero pagato il biglietto.

Anonimo ha detto...

cari benpensanti se gli extracomunitari in questione sono dalla parte della ragione allora perchè tutti gli italiani che non lavorano dovrebbero pagare il biglietto? compresi i niei famigliari! I problema non è il controllore ma che si permettete a questi signori di fare peggio che fossero a casa loro come se tutto gli fosse dovuto . MIEI CARI BENPENSANTI COSI' NASCE IL RAZZISMO, L'ODIO ECC. ECC.

Anonimo ha detto...

Eh già, subito "io no lavoro, tu razzista". Solidarietà al compagno controllore.

Anonimo ha detto...

Bisognerebbe spiegare a chi ha fatto il video la differenza tra RAZZISMO ed ESASPERAZIONE.
Ovviamente il controllore ha usato una parola forte riguardo ad Hitler, ma vi voglio vedere tutti i giorni a combattere con questa gente che usa a gratis i servizi pesando sulle persone oneste che invece il servizio lo pagano, compreso spero quello che ha filmato.
Non bisogna essere ipocriti, ma solo realisti.

Anonimo ha detto...

vergognatevi voi piuttosto, pensate di essere grandi difensori dei diritti civili, ma lasciando il MIO paese infestato da questa gente, demolite giorno dopo giorno quello che si è tentato di cotruire per generazioni! a voi dovrebbe essere strappato il passaporto italiano, vergogna!

tutti questi "clienti indesiderabili" girano regolarmente senza biglietto perchè non sanzionabili, in quanto CLANDESTINI o senza estremi ... e qui a Roma è la normalità che non paghino mai il biglietto, anche se i soldi li anno ... poi se li tocchi ... "razzista" diventa la scusa tautologica per chiudere ogni confronto. Il controllore si incazza GIUSTAMENTE perchè l'italiano senza biglietto viene multato, il clandestino no ... PERCHE???? da buttarli fuori dal treno, altrochè!

anime belle comuniste...pagatelo voi il biglietto a questa gente...date l'esempio. sono tutti bravi ad accogliere a spese degli altri ...

Anonimo ha detto...

ma che eroi questi aspiranti giornalisti ... invece di difendere la legalità e zittire l'arrogante clandestino, preferite fare gli avvocati da due soldi.

SOLIDARIETA' AL CONTROLLORE!!!

treno fermo subito, in aperta campagna, a far scendere questa gente! basta tolleranza!!!

Gianni ha detto...

Sono assolutamente d'accordo con il controllore, al quale andrebbe data una indennità supplementare sulla busta paga per lo stress quotidiano che è costretto a subire da questa immondizia umana che va sul treno senza pagare!!!! Che abbia citato Hitler non c'entra nulla, non fatemi ridere... tante volte si cita Hitler a sproposito!! E' solo un iperbole per condire e dare enfasi al discorso!! I "ragazzi di colore", poverini, non hanno pagato pagato il biglietto, e quindi E' GIUSTISSIMO che si becchino una serie di insulti!! Mi pare logico no? Oppure vogliamo dare un premio agli abusivi, fargliela passare sempre liscia?
W L'INSULTO AGLI ABUSIVI, AI PORTOGHESI, AI PARASSITI E A TUTTI QUELLI CHE FANNO L'ESATTO OPPOSTO DI QUELLO CHE DOVREBBE FARE UN BUON CITTADINO!!!!

Qui Bari Libera ha detto...

A quelli che dicono che queste persone ci rubano il lavoro, gli vorrei chiedere. E quale lavoro ci rubano ? Forse quello di andare a pulire il culo a una signora sola e anziana ? Voi lo fareste ? Quale lavoro vi rubano, quello si andare a raccogliere i pomodori ? Voi lo fareste ? O pensate che vi tubano un posto come ingegnere ?? L'unica cosa che vi state facendo rubare, è il futuro, l'istruzione (visto la vostra ignoranza), il diritto di decidere in che modo vogliamo vivere ! E tutto questo non ve lo portano via queste persone, ma chi attualmente vi rappresenta dall'alto della sua poltrona !

"Nella mia terra nessuno è straniero"

Michele Ranieri

Anonimo ha detto...

Il controllore ha fatto bene. Se prenderanno provvedimento verso il controllore allora TUTTI gli Italiani senza lavoro devono viaggiare senza più pagare il biglietto su qualsiasi mezzo pubblico. Onore al controllore è ora che l'Italiano tiri fuore i cocones invece di essere sempre schiacciato da tutti.

Anonimo ha detto...

Caterina
Sono pugliese, negli anni '60 buona parte della mia famiglia è emigrata a Nord, hanno faticato e subito, discriminazione e settarismi, ma ce l'hanno fatta! Auguro a questi ragazzi di farcela, non sarà un fottuto biglietto o un controllore ignorantissimo a distruggere le vostre speranze. Vorrei ricordare che nel 2008 la redazione LabItalia System ha proposto la candidatura di Puglia e Sicilia al Premio Nobel per la Pace in ragione dell’impegno profuso negli anni dalle due regioni per l’accoglienza degli immigrati. Questa è la mia gente

Anonimo ha detto...

Caterina non dire minchiate! Zitta se c'era un posto statale era vostro, una casa popolare era vostra, una raccomandazione era vostra! Gente che dorme ancora sui container dopo terremoti e case popolari agli stranieri con incentivo giornaliero, noi stipendi bloccati affitti da capogiro a fine mese manco riusciamo a tirarlo per mantenere questi, ma dico ... ci siete o ci andate?Sono arronganti offensivi e altro ancora, VERGOGNATEVI VOI A FARE I FALSI BONISTI!

Anonimo ha detto...

Sono pronto a scommettere che anche se dovessero individuare questo gran "signore" sicuramente non subirà nessuna conseguenza. Infatti, ci penseranno i signori sindacalisti a difenderlo e salvargli il posto di lavoro.

Anonimo ha detto...

Questi signori, non sono cienti, ma ladri, visto che hanno usufruito di un servizio senza pagarlo.

Anonimo ha detto...

E a chi dice che nella sua terra nessuno è straniero, se ne prendesse in casa uno almeno!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

buonisti del cavolo, nella maggior parte dei casi si tratta di prepotenti che non vogliono pagare il biglietto ne ho viste di situazioni così in ospedale, dal medico, in posta spesso sono solo degli arroganti che credono che tutto gli sia dovuto, e noi paghiamo!!!!!!

Dino ha detto...

Provvedimenti???? io gli darei un aumento!!

Anonimo ha detto...

eroe

Anonimo ha detto...

SAPPIATE CHE DA ROMA A TRIESTE NEI TRENI TUTTI PAGANO IL BIGLIETTO E LE FORZE DELL'ORDINE, SEMPRE PRESENTI SUI TRENI, FANNO RISPETTARE QUESTA "REGOLA".
DA ROMA IN GIU' NON ESISTE LA TUTELA DELLO STATO E IN MEZZO AL "FARWEST" IL DISORDINE E L'OPPORTUNISMO, CHE GLI EXTRACOMUNITARI IMPARANO PRESTO E MEGLIO DI NOI, SONO I FATTI PIU IMPORTANTI RISPETTO ALLA FINE MANCANZA DI RISPETTO CHE UN CONTROLLORE PUO' AVERE NEI CONFRONTI DI GENTE CHE NO PAGA IL BIGLITTO DA SEMPRE E CONTINUA A VIAGGIARE PERCHE NON ESISTE POLIZIA CHE FACCIA RISPETTARE LE REGOLARE E COADIUVI IL PERSONALE DEI TRENI.

Anonimo ha detto...

Chissà quante ne ha viste sto povero cristo di controllore; Cmq il servizio si paga;Faglielo fare al loro paese di non pagare e vediamo come va a finire;Dicono che scappano dalla guerra ma voi vedete donne e bambini. Ce ne di brava gente tra di loro che lavora e non rompe le balle ma quanti delinquenti pure. Un caloroso saluto a tutti

Anonimo ha detto...

sono dalla parte del controllore! altro che città, qui in sardegna il problema e sulle spiagge! basta senegalesi marocchini!ci stanno colonizzando vergogna tutto gratis sanità ecc

Anonimo ha detto...

ora a pagarne le conseguenze sarà ancora una volta il controllore italiano che sta solo facendo il suo dovere perchè loro "poverini" non si devono toccare qualsiasi cosa facciano, dal non pagare il biglietto alla rapina magari con morto, solidarietà al controllore. SVEGLIA ITALIA

Anonimo ha detto...

la verità è che ci siamo stufati di essere diventati terra di conquista da parte di queste cavallette che arrivano nel nostro paese per depredarlo delle sue risorse sociali.solo chi purtroppo ci deve viver vicino sa quanto siano diventati arroganti e prepotenti

DARIO ha detto...

SIAMO BRAVI A FARE I MORALISTI.....ma siamo anche barvi a lamentarci magari per i treni decadenti ..e grazie se anche 4 su 10 nn paga il biglietto e come essere a cena 10 persone con 6 piatti di pasta ,va bene un giorno ,va bene 2 mail 3 si muore di fame, nn sono razzista a tal punto di offendere così un nero,ma dai ca..o vuoi stare in italia vuoi sedere alla mia tavola pagati il piatto....

Anonimo ha detto...

no al razzismo e siamo d'accordo, si agli italiani extracomunitari a loro volta e a suo tempo, si ai popoli uniti, però teniamo conto pure dell'approfittamento di certi, della mancanza di rispetto e delle offese gravi che rivolgono anticipatamente a gente che tutti i giorni lavora in condizioni di rischio e continua pressione.... NON CI DIMENTICHIAMO CHE PER ALCUNI PENDOLARI SORGE ANCHE LA POLEMICA INVERSA, "IO PAGO, PERCHE' LORO NO??" e allora, crocifiggiamoli sti capitreno e tutti quelli che svolgono lavori con una duplice esposizione!!!
ai tempi degli emigranti italiani, il rispetto era ordinarietà, oggi non più, e tale fenomeno è cavalcato da tanta gente che alla fine della fiera spesso contrabbanda, spaccia, traffica e solo apparentemente sta con le pezze al culo, perchè spogliati quei panni la sera si butta nelle migliori discoteche hi-pop e ha in mano cellulari da 500 euro!!! riflettiamo anche su questo, non spariamo solo su chi si alza alle 4 per prendere servizio su un treno pieno di paladini della giustizia!!

Francesco ha detto...

Ma tutte queste persone che hanno scritto di treni a Roma, Milano, Londra e sulla luna, hanno la minima idea di cosa si sta parlando?
Io credo proprio di no. Allora, veloce riassunto.
1) Viaggio (ahimè) sulle carriole delle FAL da ormai 4 anni. Non ho assistito MAI - e dico MAI - ad un episodio del tipo "extracomunitario che offende o alza le mani sul controllore". Anzi, ho assistito spesso a scene di gentaglia da quattro soldi (italiana, ci tengo a precisare) che scappava dai treni per non essere beccata.
2) Quelle poche volte che i controllori si degnano di presentarsi nei treni, una delle scene più comuni è la seguente: bella ragazza, si è "dimenticata" di timbrare il biglietto, o le è caduto (ma guarda un po'...) mentre saliva sul treno. Il controllore fa finta di farle una multa, poi torna col documento e le assicura che doveva solo "far vedere" agli altri che le regole vengono rispettate. Perchè come tutto, in Italia, è l'apparenza quella che conta.
3) Quando provi a lamentarti dei servizi PESSIMI delle FAL (scegli uno a caso fra: biglietterie chiuse, scale mobili non funzionanti, treni sporchi, bagni chiusi, gente ammassata che peggio dei barconi di Lampedusa...) le risposte non sono molto dissimili da quelle date dal gentil signore nel video.
4) I treni FANNO SCHIFO. Non stiamo parlando delle Ferrovie dello Stato (e voi vi lamentate di quelle... ad avercele!), parliamo di "treni" che per fare 70 km (Matera-Bari) ci impiegano 90 minuti. Per i poco ferrati in matematica, la velocità media di viaggio è sui 47 km/h, senza contare i ritardi cronici e varie ed eventuali.

Quindi, per cortesia, se non sapete di cosa si sta parlando abbiate la decenza di tacere, 'chè fate solo basse figure.

Stefano ha detto...

Ma VAFFA...xke io devo lavorare x potermi pagare il biglietto? e nn pagano l'asilo e le case popolari e il bollo no e l'altro no....poi se gli dici anche solo una parola allora tu sei razzista!!!Se state così male in italia xke nn tornate a casa vostra a fare i fenomeni...Che tristezza sto paese!

donato ha detto...

Possibiloe che nessuno dica la verità sul'emigrazione italiana verso paesi esteri. In belgio si andava a lavorare dopo aver passato tutte le visite sanitarie,anzi non si andava,si veniva venduti dallo stato italiano in cambio di carbone. Ogni tot lavoratori,un tot di carbone.In belgio c'erano cartelli ovunque con su scritto:vietato l'ingresso a cani e italiani. In germania idem. C'è una legge in baviera cheautorizza l'ingresso nei locali a discrezione del proprietario. In sud america compravanogli schiavi a stock (italiani che dovevano sostituire i neri.All'inizio secolo un'italiana sposo un uomo di colore,ma in america era vietato tutto ciò.be..sapetwe come finì? Niente processo perche gli italiani sono neri(non ci credete? fate una ricerca sul caso). Questi da noi invece,arrivano appena mettono piede a lampedusa , sono meglio degli italiani. vitto alloggio,piu piccolo aiuto economico garantito. Se noi italiani apriamo bocca,siamo tacciati di razzismo. Tra 50 anni, loro saranno in maggioranza,e cambieremo il nome allo stato.republica nero d'italia,paese del terzo mondo di merda....mi fermo qua. d. saluti.

Anonimo ha detto...

Dunque ho visto e rivisto il video più e più volte...analizziamolo:
incipit con frase a effetto, prosegue con tema musicale e con bandiera nazista e poi entra nel vivo...ovvero il controllore sta chiedendo i biglietti trova un gruppo di persone senza il biglietto in regola, cerca di convicerli a pagarlo, gli dice "e dai fate i bravi che siamo alle pezze in italia" la risposta del viaggiatore (perché di viaggiatore si tratta il cliente paga il biglietto) è "tu lavorare io non lavoro" il capotreno risponde "ma chi ti dice di non andare a lavorare - vai a lavorare" a quel punto scatta l'insulto "tu no buono tu grande razzista" ed ora il controllore s'arrabbia e sproloquia.
Totale: per viaggiare gratis bisogna: salire s'un treno con telefonino cellulare riprendere la scena di quando si prende in giro il controllore, insultarlo, e quando si è insultati a propria volta, mandare il video a voi così si fa rischiare anche il posto di lavoro al controllore.
GRAZIE PER L'INFORMAZIONE NE FARO TESORO!!

Anonimo ha detto...

Cari Ragazzi vi scrivo da Milano,lavoro nel trasporto pubblico e spesso mi ritrovo a soccorrere controllori o agenti di stazione della metropolitana che vengono massacrati di botte da extracomunitari i quali sovente non pagano il biglietto.Voglio precisare una cosa,sono sempre stato politicamente a sinistra ,sono una persona molto solidale ed aperta a tutte le culture,ho tantissimi amici stranieri con i quali ho un ottimo rapporto di rispetto ed amicizia.Voglio qui commentare questo video che chiaramente lascia il segno e fà pensare.Mi sono chiesto pero' una cosa,come mai vengono solo filmati gli Italiani che insultano e mai viceversa? Come mai nessun giornalista si fà un giro tipo a Milano il sabato sera alla stazione Cascina Gobba? Sapete che a Milano ci sono delle zone franche dei mezzi pubblici che se qualche controllore và rischia di essere ammazzato? lo sapete che mediamente un controllore con 2 anni di servizio và in infortunio 4 volte? sapete che una donna che conosco che eservita la professione di controllore per un biglietto è stata scaraventata contro la 90 in movimento e quasi quasi muore? come mai il fatto quotidiano attento a tutto non riporta mai certe notizie? sapete che esiste anche il razzismo al contrario? bisogna stare molto attenti a fare falsa propaganda anche perchè le cose si alimentano e si ottiene l'effetto contrario..personalmente facendo sicurezza nella metropolitana Milanese con dati alla mano posso dirvi che il 90 per cento dell'evasione sui biglietti è da parte di starnieri(che lavorano),posso dirvi che le aggressioni al personale ATM è quasi nella totalità fatta da eztracomunitari che quando vengono fermati gentilmente per chiedere i titoli di viaggio novanta su cento ti ridono in faccia dicendoti: scrivi scrivi che cazzo mi frega tanto non pago un cazzo...Sapete che sulla linea metropolitana agiscono circa 50 borseggiatori di nazionalità ROM,TUNISINA,ALGERINA,che tutti i giorni depredano turisti e persone anziane malmenando,sputandogli addosso ecc? Vogliamo essere reali o dobbiamo continuare a prenderci per il culo con gli articoletti che fanno scalpore? Certamente non ritengo giusto insultare nessuno con frasi pesanti e inpronunciabili,ma ritengo anche che si faccia luce in modo chiaro sulla realtà,in modo che nessun tutore della legalità poi,perda la pazienza ed esca con simili frasi.Come mi piacerebbe filamrre una sola sera del mio lavoro ed inviarla ad un giornale,ma sapete cosa mi turba? nessuno ne parlerebbe e nessuno lo pubblicherebbe e lo sapete perchè? un controllore massacrato di botte o insultato non è una notizia...arrivederci

Anonimo ha detto...

Questo purtroppo sì che è uno scandalo. E bisognerebbe che le cose si muovano in un senso e nell'altro: FUORI a calci nelle palle i controllori razzisti (l'apologia al nazismo è reato) e FUORI a calci nelle palle gli extracomunitari delinquenti (che fanno torto tra l'altro anche agli stessi extracomunitari che cercano di fare una vita perbene).

Non sarebbe così difficile la cosa, se non fosse che l'italia è pienamente INTRISA di mafia e ci si è abituati ormai a non far nulla. Tant'è che per "l'esasperazione" si arriva poi a dire cose del genere, che -in un certo senso purtroppo- fanno più scalpore della quotidianità nelle metro di Roma e Milano.

Mi viene in mente la ragazza rumena uccisa da un ragazzo romano ad Anagnina... fa notizia certo, ma poi solo chi è del posto sa bene cosa succede lì...